Liturgia
AVVENTO 2016

E VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI...
E venne ad abitare in mezzo a noi. In queste parole è tutto il mistero del Natale a cui ci prepariamo con il cammino di Avvento. In che senso Gesù è venuto ad abitare in mezzo a noi? Per capire il modo di abitare di Gesù bisogna recuperare il principio dell’Incarnazione: la sua condivisione della gioia e dei dolori delle persone che incontrava sul suo cammino; il loro bisogno di amore, di salute, di relazioni sincere, di riconciliazioni; il suo andare a trovare e ad accogliere i lontani del suo tempo. Non è senza significato il fatto che Gesù non abbia fissato un suo recapito. Egli stesso si recava in mezzo alla gente, là dove la gente viveva, lavorava, soffriva.
Sulla linea dell’Incarnazione, la fede è compromettersi con l’uomo. Una fede che si situa nella storia, che fa storia, che cambia la storia, perché la storia della salvezza divenga salvezza della storia.
La nostra comunità, in questo percorso di Avvento, rifletterà sul senso dell’abitare in quattro realtà diverse: la famiglia, la parrocchia, il territorio, il creato.
Abitare la famiglia significa accogliere Gesù con la stessa fede, con la stessa cura, con lo stesso amore e la stessa gioia con cui lo hanno accolto Maria e Giuseppe, guida e modello di ogni famiglia umana.
Abitare la parrocchia è viverla come "famiglia di Dio, come fraternità animata dallo spirito d'unità"; come "casa di famiglia, fraterna ed accogliente"; come "fontana del villaggio" alla quale tutti ricorrono per la loro sete.
Abitare il territorio non vuol dire solo “vivere in un territorio” o farsi vivere da un territorio, ma vivere il territorio e far vivere il territorio: le relazioni, i bisogni, le risorse reali e potenziali, i valori, le credenze, le tradizioni, la religione, il sistema socio-politico-culturale, leggere tutto alla luce del messaggio evangelico.
Abitare il creato vuol dire riconoscere la natura come uno splendido libro nel quale Dio ci parla e ci trasmette qualcosa della sua bellezza e della sua bontà. Se ci accostiamo alla natura e all’ambiente con questo spirito, la sobrietà e la cura scaturiranno in maniera spontanea.

Buon cammino d’Avvento e buon Natale a tutti.
don Antonello


*clicca sulla foto per ingrandirla e prosegui la visione con i tasti prev e next
che appaiono posizionando il mouse in alto a destra e a sinistra sulla foto

 


PdJ© 2011Parrocchia Buon Pastore